Il Mulino e la cartiera al fiordo di Furore

Il Mulino e la cartiera al fiordo di Furore

A dieci minuti in auto dalla Locanda Costa Diva troviamo il fiordo di Furore. Si tratta di una profonda spaccatura della costa fra Conca dei Marini e Praiano, cui si accede, fra sensazioni uniche, in barca dal mare, passando sotto un pittoresco quanto elegante ponte, sul quale corre la S.S. 163 “Amalfitana” da Amalfi a Positano, oppure a piedi, attraverso una suggestiva scalinata. Stupendo è il villaggio dei pescatori, recentemente restaurato, incastonato sul fianco della montagna, dove i dati del catasto francese, completato nel 1830, indicano la presenza alla "Marina del Furore" di alcune costruzioni, costituite da un "Molino ad una macina con stanze due" ed una "Cartiera con tre pile, una sola attiva", oltre a due stanze con un basso, due magazzini, "piazza e cortile". Meraviglioso il vallone interno, pressoché intatto nella sua verdeggiante e preziosa vegetazione, che nasconde antiche cartiere, mulini, canali e grotte preistoriche. Qui nidificano gli ultimi esemplari di falco pellegrino, un rapace che trova fra l'asprezza di questa gola il suo habitat ideale. Oltre alla fauna tipica degli aspri territori costieri della Campania Felix, numerosi esempi di flora autoctona possono essere rinvenuti, quali la felce bulbifera “Woodwardia radicans”, splendido esemplare di flora relitta dell'era terziaria, grazie alle particolari condizioni climatiche che l'angusto e profondo vallone determina. L'escursione, lungo sentieri che si inerpicano fra lecci e frassini, è un'esperienza irripetibile. L'entroterra del Fiordo, inoltre, offre ancora qualche sorpresa, prima fra tutte le fabbriche, vera e propria archeologia industriale: opifici destinati alla produzione della carta e alla molitura del grano, esempi di utilizzo dell'energia generata dalle acque. È appena il caso di aggiungere che l'impressione più immediata è quella di una realtà ferma, pietrificata, come avulsa dal tempo, dove l'unico segno di vita è dato dal folle volteggiare dei pipistrelli e dalla voce inquietante di qualche solitaria civetta.

 
Gita a Capri

Gita a Capri

La Locanda Costa Diva organizza gite in barca dirette alla splendida isola di Capri: dal molo della spiaggia di Praiano, che dista dalla Locanda solo 5 minuti a piedi, si parte alle 9 del mattino alla volta di Capri. La navigazione procede lungo la Costiera Amalfitana, vicino Postiano fino a sfiorare l’isola Li Galli, Sorrento per poi attraversare il Parco di Punta Campanella fino a raggiungere l’isola di Capri. Lì si potranno ammirare le bellezze dell’isola blu: la Grotta Bianca, dove è possibile ammirare la statua della Madonna, una grande stalagmite che ricorda Maria in preghiera; i famosi Faraglioni, prospicienti Marina Piccola; l’Arco Naturale; la Grotta Verde.

Una volta giunti a Capri, inoltre, si avranno 3 ore a disposizione per la visita dell’isola. Il rientro alla spiaggia della Praia è previsto per le ore 18 (durata della gita: circa 9 ore). Il costo di 50€ a persona può essere corrisposto direttamente a bordo dell’imbarcazione. Le gite sono organizzate per un massimo di 20 persone.

 
Escursioni

Escursioni

Dalla Locanda Costa Diva si organizzano escursioni guidate a piedi, via mare e via terra lungo la Costiera Amalfitana, per Amalfi, Furore, Cetara, Erchie, Conca dei Marini, Ravello, Positano, Capri, Sorrento, Pompei, Ercolano, Vesuvio e Napoli.

Presso la Locanda Costa Diva è anche possibile organizzare gite in barca con pesca turistica: i pescatori insegneranno non solo a pescare, ma anche a cucinare il pescato direttamente a bordo dell’imbarcazione.

Qualora fosse necessario, è possibile organizzare itinerari più brevi o personalizzati secondo le esigenze.